Unioncamere Lombardia

ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2016
4° trimestre 2009

Analisi congiunturale industria
Svolta della produzione industriale nel 4° triemestre: +0,4% la variazione congiunturale destagionalizzata. Rallenta la caduta tendenziale (-5,7%). Migliorano le aspettative degli imprenditori. Bene gli ordini sia dall’estero (+2,2%) che dall’interno (+3,3%).

Allegato statistico Industria [pdf 241kb]

Comunicato stampa

Dichiarazioni e interventi

Presentazione dati congiunturali [pdf 355kb]

Previsioni economia lombarda [pdf 75kb]

Analisi dei flussi del Mercato del Lavoro in Lombardia [pdf500kb]

Analisi congiunturale artigianato
Le aziende artigiane manifatturiere registrano maggiori difficoltà rispetto all’industria, ma si stabilizzano sia la riduzione tendenziale della produzione (-10,0% su base annua) che il calo congiunturale (-2,8% rispetto al trimestre precedente, dato destagionalizzato).

Allegato statistico Artigianato [pdf 483kb]

Analisi congiunturale commercio
Il settore del commercio registra un diffuso rallentamento del fatturato che coinvolge tutte le tipologie di esercizio e le specializzazioni merceologiche. Nel commercio al dettaglio soffrono maggiormente gli esercizi specializzati non alimentari (-4,0%), seguiti dagli alimentari (-3,8%) e dai non specializzati (-1,4%). Il commercio all’ingrosso risulta più sofferente del commercio al dettaglio, segnando un -5,2%.

Allegato statistico Commercio [pdf135kb]

Analisi congiunturale servizi
Il settore dei servizi registra una contrazione del fatturato del 5,1%, in leggero miglioramento rispetto al trimestre precedente (-6,4%). E’ il comparto dei trasporti e attività postali a presentare la contrazione maggiore (-8,5%), seguito dalle costruzioni (-5,9%) e dai servizi avanzati (-5,2%). Il miglior risultato è appannaggio dei comparti degli altri servizi (-0,6%) e dei servizi alle persone (-1,1%).

Allegato statistico Servizi [pdf164kb]

Analisi congiunturale agricoltura
L’agricoltura lombarda presenta una situazione critica che riflette analoghi andamenti del comparto a livello nazionale ed europeo, sebbene si intravedano alcuni segnali positivi. I settori che risultano essere più in difficoltà sono quelli della produzione del latte e quello cerealicolo, mentre segnali positivi provengono dal comparto del riso, dei bovini da carne, dei suini e vitivinicolo.

Rapporto [doc 472kb]
Comunicato stampa